Documentario falso famoso di Nick Bilton

Documentario falso famoso di Nick Bilton

Introduzione di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY MAGAZINE

Brillante giornalista indipendente Nick Bilton ha trascorso 2 anni per un esperimento sociale che rivela la vera natura della fama di influencer. Il documentario "Fake Famous" in onda nel febbraio di quest'anno su HBO.

In questa introduzione vorrei mostrare un metodo COME ripubblicare un autore. Non ho scritto questo articolo. Lo ripubblicherò dalla fonte CNBC.

In Francia, come in alcuni paesi europei, c'è una sorta di tendenza, chiamiamola così, a cercare nuove idee di marketing, affari, design e venderle a designer emergenti, case di moda, marchi ecc. Ho visto che è stato fatto da Fashion Federations, da Offices of Style (bureaus de style), secondo chi scegliere un'idea o un design da un'azienda all'estero è "una cosa molto buona, dato che non esiste ancora in Francia" . Sono stato nella giuria di alcuni concorrenti in Francia, dove il designer ha scelto i design del marchio danese e ha ricevuto il prezzo (+ 20 euro) per il concept originale. La mia osservazione sul fatto che questi disegni NON appartengono a questo designer ha avuto una reazione sorprendente - un altro membro della giuria mi ha risposto che va bene farlo, dato che questi disegni non sono in vendita o non esistono in Francia… ???…! !!

Ho visto molti francesi "Media"(Lo metto tra virgolette e allo stesso tempo faccio citazioni aeree, poiché NON rappresentano la stampa o il giornalismo), che fanno ricerche in diverse lingue americane, inglesi, tedesche media fonti, raccogliendo articoli di noti giornalisti, li traducono in francese e li presentano come propri. Facile!…. Per appropriarsi di una paternità! Sono stati anche elogiati per questi "risultati" dalle federazioni francesi della moda e dalle organizzazioni governative a loro collegate, per la scoperta brillante e originale, il giornalismo, la ricerca, ecc.

Quindi diciamo che questa pubblicazione è COME pubblicare rispettosamente un articolo di un altro media, quello che conosci ha idee e scoperte brillanti. Partnership tra media esistere! Basta solo richiedere e menzionare le credenziali con il collegamento all'articolo originale - andrà benissimo.

Fake Famous documentario di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE
Fake Famous documentario di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE

Questo articolo di Tom Huddleston Jr. è stato pubblicato in CNBC , parla di un documentario presentato in anteprima il 2 febbraio 2021 su HBO da Nick Bilton. Orribile storia di successo "In che modo gli influencer di Instagram possono fingere la loro strada verso la fama online" mostra in breve l'esperimento sociale condotto da Nick Bilton e filmato. Parlando di un desiderio umano di essere "FAMOUS" ... La generazione precedente sognava di diventare una star del cinema, la nuova generazione sogna di diventare un influencer. Diversi grandi marchi hanno affrontato un orribile ritorno di fiamma a causa del coinvolgimento e della dipendenza dagli influencer: durante la pandemia le case più grandi hanno perso quasi l'80% del loro fatturato e il 90% dei profitti. Ti invito a controllare i rapporti dei grandi marchi pubblicati pubblicamente e confrontarli con l'anno 2019, ad esempio.

Vediamo perché, va bene?

Come gli influencer di Instagram possono fingere la loro strada verso la fama online

L'autore Tom Huddleston Jr. CNBC, pubblicato il 2 febbraio 2021

Il richiamo di fare ingenti somme di denaro pubblicando foto online ha trasformato il lavoro di essere a tempo pieno i social media influencer in una delle scelte di carriera più ambiziose per i giovani di tutto il mondo.

Gli influencer su Instagram che hanno oltre un milione di follower possono guadagnare più di $ 250,000 per post dai marchi, mentre qualcuno come Kylie Jenner può guadagnare circa $ 1 milione per un singolo post Instagram sponsorizzato.

Ora il nuovo documentario della HBO "Fake Famous", che sarà presentato in anteprima martedì alle 9:XNUMX ET, mira a mostrare quanto sia facile giocare sui social media economia per diventare un famoso "influencer" online.

Ecco uno sguardo ad alcune delle tattiche che lo scrittore e regista Nick Bilton usa per, come ha detto, "prendere alcune persone a caso con un piccolo seguito online e trasformarle in influencer famosi".

(Avviso spoiler: l'esperimento ha funzionato.)

Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Chris Bailey su un finto aereo privato impostato per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: HBO
Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Chris Bailey su un finto aereo privato impostato per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: HBO
Acquisto di follower

"Non devi andare sul dark web o altro, vai semplicemente su Internet e puoi comprare praticamente tutto quello che vuoi", dice Bilton in "Fake Famous" mentre tira fuori una carta di credito per compra migliaia di falsi follower, o "bot", per i tre soggetti del documentario. Passando attraverso il sito web Famoid.com (che è uno dei tanti siti di questo tipo che vendono falsi social media I seguaci a frotte), Bilton dice di aver pagato circa $ 119.60 per acquistare circa 7,500 follower e 2,500 mi piace per una delle cavie del dottore, l'attrice Dominique Druckman.

I follower dei bot sono "un algoritmo che finge di essere una persona reale su Internet", afferma Bilton. "Questi bot sono creati da hacker e programmatori che scrivono codice che setaccia Internet per rubare innumerevoli identità casuali rubando foto, nomi e biografie di persone".

Bilton stima che ci siano "centinaia di milioni" di bot online e possono essere utilizzati per qualsiasi numero di scopi, da paesi stranieri che diffondono disinformazione intorno alle elezioni statunitensi per far apparire più popolari le persone, inclusi aspiranti influencer e celebrità già famose di quanto non siano in realtà. "

Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Dominique Druckman nella stanza fingendo una pianura privata con foto sullo schermo e sul sedile del water per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: HBO
Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Dominique Druckman nella stanza fingendo una pianura privata con foto sullo schermo e sul sedile del water per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: HBO

I follower acquistati da Bilton scorrono nell'arco di pochi giorni, tanto da non essere segnalati dai social media società che periodicamente eliminano account falsi dalle loro piattaforme. Bilton ha continuato ad acquistare robot e gli piace aumentare il coinvolgimento per Druckman - e per altri due aspiranti influencer: la studentessa Wiley Heiner e il designer Chris Bailey - fino a raggiungere i 250,000 follower.

"[S] sta ancora ottenendo seguaci", ha detto Bilton a Variety. "Alcuni di loro sono robot e altri sono reali, ma la profezia si è adempiuta."

Fingere uno stile di vita favoloso

Per far crescere organicamente i seguaci dei falsi influencer e attirare offerte da marchi per contenuti sponsorizzati, Bilton ha chiesto ai fotografi di riprendere i soggetti in quelli che sembrano essere luoghi lussuosi, ma in realtà sono completamente falsi.

Un servizio fotografico (incorporato sotto) si è svolto nel cortile di Bilton a Los Angeles, ma quando sono stati pubblicati sono stati geotaggati al Beverly Hills Four Seasons e al resort Viceroy a Santa Monica.

Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Dominique Druckman su una finta piscina privata per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: Dominique Druckman
Il giornalista Nick Bilton scatta una foto di Dominique Druckman su una finta piscina privata per il documentario della HBO "Fake Famous". Fonte: Dominique Druckman

I servizi fotografici includevano anche l'affitto di un'intera villa per il pomeriggio per circa $ 600 e persino un falso studio di jet privato per $ 49.99 l'ora.

Innumerevoli altri influencer con un seguito massiccio utilizzano anche trucchi fuorvianti per creare contenuti social degni di essere seguiti, secondo Bilton.

"Fingono di pagare tutte le spese, viaggi di campeggio gratuiti, in modo che in seguito possano ottenere un viaggio di campeggio gratuito e pagato a tutte le spese", ha detto Bilton nel film. “Fingono di fare escursioni nelle sequoie in modo da poter provare a ottenere gratuitamente attrezzatura da trekking e sponsorizzazioni. Fingono upgrade gratuiti in prima classe o viaggi su aerei privati ​​".
In effetti, online, ci sono migliaia di tutorial per fingere di essere in vacanza elaborata, quando in realtà sei solo nella tua camera da letto ", ha detto Bilton. Ci sono anche app e siti Web dedicati al photoshopping di foto delle vacanze false per i social media.

Nel 2020, l'influencer Natalia Taylor, che ha 2.2 milioni di follower su YouTube, ha pubblicato una serie di foto su Instagram che sembravano mostrarle mentre si godeva una vacanza di lusso in un resort a Bali, in Indonesia. Ma, come ha spiegato in seguito, le foto sono state effettivamente scattate al suo Ikea locale come parte di uno stratagemma che ha messo in scena per mostrare alla gente che “la vita su Internet non è sempre quello che sembra; soprattutto in questo giorno ed età in cui è così facile fingere di essere chiunque tu voglia essere. "

Natalia Taylor ha simulato le vacanze a Bali, scattando foto in IKEA, come esperienza per il documentario Fake Famous di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE
Natalia Taylor ha simulato le vacanze a Bali, scattando foto in IKEA, come esperienza per il documentario Fake Famous di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE

Alla fine, i tre soggetti di Bilton sono passati da non avere più di 2,500 follower su Instagram a decine di migliaia (e uno ora ha quasi 340,000 follower su Instagram). Nel frattempo, hanno anche iniziato a ricevere vantaggi da marchi che cercano di essere presenti nei loro post su Instagram, da occhiali da sole o gioielli gratuiti a sessioni di allenamento gratuite in una palestra privata a Beverly Hills.

Falsa palestra privata come esperienza per il documentario Fake Famous di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE
Falsa palestra privata come esperienza per il documentario Fake Famous di Nick Bilton di RUNWAY MAGAZINE

Conclusione di Eleonora de Gray

Qualcosa per renderlo più piccante ... La morale di questa storia è: Gli influencer sono il PRODOTTO dei marchi a supporto delle vendite. Gli influencer esistono perché sono stati richiesti dai marchi di moda per sostituire gli esperti e media. Siamo ancora qui, in lotta per l'opinione pubblica e l'attenzione.

Ma hai notato che gli influencer oggi ottengono i loro follower insultando i designer, distribuendo pettegolezzi sui marchi, fingendo conversazioni con designer e personalità noti, descrivendo situazioni che non sono mai accadute? Hai anche notato che nel 2020-2021 gli influencer non sono più invitati a presentazioni molto private? C'è una RAGIONE per questo.

Facciamo un po 'di storia. Dal XIX secolo ci sono sempre stati libri, poi riviste dedicate alla moda che hanno influenzato l'opinione pubblica. Negli anni '1950 -'1970 gli editori di riviste di moda furono invitati dai designer e chiesero una competenza per creare la prossima collezione. Il più influente mai specializzato media e gli esperti lo sono diventati negli anni '1990. Erano così potenti che il pubblico si fidava di loro con l'opinione sulle nuove tendenze, colori, stili e selezione dei look. E i designer e le case hanno elogiato media per dare un'alta opinione sul loro lavoro creativo.

Una competenza data da critici di moda e media entro il 2010 è diventato pesantemente imposto ai marchi di moda: questa finitura non è buona, o questo look è sicuramente una copia dei look di un altro marchio, o "è così la scorsa stagione". Non va bene per le vendite. Chi ne ha davvero bisogno se i marchi vogliono solo che le persone comprino? A chi importa se non è un tweed o il look scelto da un altro designer? Quindi dal 2010 al 2020 i marchi di moda scelgono di mostrare le collezioni agli influencer, che non hanno esperienza, conoscenza o comprensione di nulla, erano così entusiasti di essere allo spettacolo, esprimendo la loro eccitazione ai milioni di follower nel modo più volgare .

Ma nessuno ha pensato ad un altro lato di questa “moneta” magica. Gli influencer potrebbero avere un aspetto sexy, ma non troppo per il cervello "sexy". Non per essere banale o altro, ma i marchi hanno dimenticato che "le grandi menti discutono di idee, le piccole menti discutono di eventi". Per lo più gli influencer stanno esprimendo la loro eccitazione per essere invitati allo spettacolo, niente di più. Mostrano interesse per se stessi e non per la collezione o il designer. Quindi con digital mostra che gli influencer hanno perso completamente il loro interesse. Di cosa possono effettivamente comunicare? Non ci sono.

E c'è anche "Una mente piccola e una bocca larga di solito vanno insieme". Le brillanti idee di marketing non costano nulla se l'opinione pubblica generata da influencer Instagram / Twitter spaventosamente stupidi e silenziosi. Ancora meglio, i diversi influencer di Instagram che conosco hanno effettivamente guadagnato i loro milioni di follower insultando designer fantastici e di grande talento, che hanno impiegato 20-30 anni per costruire il loro marchio.

Il risultato? Queste case hanno dovuto rimuovere i prodotti dal mercato, perdite massicce nel numero di vendite, mercati e paesi persi ... tutto questo è il risultato di un'opinione pubblica molto negativa, basata su pettegolezzi e insulti da qualche parte raccolti, diffusi da influencer e alcuni media , che ha deciso di seguire gli influencer. E questo è incontrollabile. Le azioni legali in questa situazione non aiuteranno, solo peggioreranno.

Quindi, per riassumere, nel 2020 le case si sono rese conto di non avere assolutamente alcun controllo sull'opinione pubblica basata sul gossip, o sulla rabbia per un marchio, o sul suo prodotto creato dagli influencer di Instagram. E tutto questo perché un influencer non ha ricevuto un regalo extra, una borsa stravagante o delle super scarpe? Quindi l'esperienza dei professionisti non era poi così dannosa, e soprattutto puoi sempre ragionare con un esperto o media.

Già da un paio d'anni i fashion brand hanno cercato di “staccarsi” da tutto e dare comunicazione da soli, accrescere il proprio pubblico, follower e devoti acquirenti. Ma non funziona molto bene. Le persone che non sapevano nulla di un marchio di moda, ancora non sanno nulla di questo marchio. Quindi non ci si può aspettare un numero crescente di acquirenti a breve. E soprattutto, il pubblico sta ancora cercando le storie di media o influencer, e basano l'opinione su pettegolezzi e rabbia così ben guidati da “bocche larghe” sui social media reti.

in 2020 digital le presentazioni non hanno portato gli influencer verso i marchi di moda. Hanno semplicemente perso interesse, poiché non ci sono più eventi da presenziare e da esibire. E le case di moda hanno iniziato a tornare media. Nel 2021 è stata una svolta inaspettata degli eventi. Siamo diventati di nuovo nella lista dei “Most Wanted” delle case di moda. Ma chi ha detto che l'esperienza non farà male? Ritornare a media portano solo gli stessi vecchi problemi: una competenza è in realtà l'analisi, la rivelazione di ritrovati creativi, finiture, tendenze, che costringono le case a suonare la tariffa. Quindi i trucchi di marketing e le "scelte" di altri marchi non funzioneranno.

Diventiamo professionali! E lieto fine a tutti!



Inserito da Los Angeles, USA.