Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022

Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022. Recensione di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY RIVISTA.

Una delle collezioni più poetiche e impressionanti della settimana della moda Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 a Parigi. Magnifici caftani, favolosa maglieria, lussuosi tessuti morbidi, applicazioni: la meravigliosa favola dell'Haute Couture, la storia di una principessa francese nei boschi. La storia di un grande maestro Franck Sorbier.

Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di Dior, che sta lottando e provando le sue strade nella stessa direzione, non nei suoi sogni più sfrenati sarebbe stata in grado di raggiungere questa grande arte e artigianato di Franck Sorbier. I soldi non possono comprare il talento, vero?

I capi reali di Franck Sorbier sono ciò che l'Haute Couture rappresenta: raffinatezza artigianale ed eccellenza.

Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE

L'Esprit des lieux
Chaalis

Il Servo, il Traghettatore e la Reliquia.
Il titolo suona come una favola filosofica, un racconto onirico, una credenza condivisa da credenti di ogni ceto sociale. Ma parla soprattutto, nonostante i suoi riferimenti arretrati, di un'attualità sempre più scottante sul tema della ricchezza e della povertà.
Qualche tempo fa, la rivista «L'Histoire» titolava «I ricchi ei poveri, 1000 anni di disuguaglianza».
Lungi da me l'idea di una moralità o di una prova d'intenti. Devo ammettere che ho avuto molte difficoltà a scegliere la direzione di questa collezione.
Ad essere onesti, non ho voluto scegliere e ogni personaggio ha finalmente trovato il suo posto.` Il servitore, il traghettatore e la reliquia.
La Serva incarna una ragazza dei boschi, delle radure e degli stagni. Una contadina che si evolve in un universo bucolico che traduce il mio desiderio di spogliarsi.
Un pauperismo ispirato da una serie di fotografie dell'artista Jackie Nickerson che ha fotografato i contadini dello Zimbabwe nel 1996 e che ha enfatizzato gli abiti unici e belli che gli stessi lavoratori hanno realizzato. Un'identità infallibile, individualità e modernità.
Le sagome si appropriano delle influenze tradizionali dell'Europa ma le hanno lavate da qualsiasi folklore coloristico.
Francisco de Zubarán, un grande pittore barocco spagnolo e il suo connazionale, José Ortiz Echagüe, fotografo, seguace del pittorialismo, mi hanno accompagnato in questa ricerca di autenticità.
Bianco, écru, avorio, beige e greige compongono la gamma dei modelli.
Un abito «rumeno» con gonna è alla base della storia degli abiti dell'Ancella.
Si arriva poi a nobilitare sovrapponendo mantelle, impermeabili, gilet, giacchini, scialli…
I materiali sono di aspetto grezzo o rustico, una miscela di lino e seta, seta e
cotone, seta e viscosa, organza plastificata, jacquard sfilacciato, stoppino e filo di lana, lana cotta, crochet e velluto plissettato stile Mariano Fortuny y Madrazo.
Il traghettatore fa conoscere e propaga un'opera, una dottrina, un sapere. Lui è l'Intermediario tra due culture e due epoche.
Il traghettatore, così chiamato, è anche uno specchio bifacciale. Lo scoprirete biondo in una toga bianca neoclassica ma anche bruno, in un maglione nero fuoco, drappeggiato in un mantello fluttuante come uno stendardo.
Jean-Jacques Rousseau, che non ha mai abbandonato i miei pensieri, è di nuovo presente a Ermenonville, non lontano da Chaalis. Vivrà lì per gli ultimi dieci anni della sua vita.
Qui è al centro delle sue convinzioni profonde, quelle legate alla natura. Tra l'altro vi costruì il Tempio della Filosofia Moderna, affacciato sul lago Ermenonville.
I luoghi hanno nomi evocativi, il “sentiero degli scrittori”, la “pietra della strega”, il “mare di sabbia”, la “passeggiata del sognatore”.
Più tardi, Etienne Pivert de Senancour e Gérard de Nerval fecero di questa terra, già intrisa di spiritualità, una delle culle del romanticismo letterario francese.
Il Domaine de Chaalis, nel cuore della foresta di Ermenonville, è stato lo scenario naturale del film.
Nélie Jacquemart-André, ultima proprietaria dell'Abbazia Reale di Chaalis e famosa collezionista d'arte, ha affermato «è uno dei paesaggi più ammirevoli di Francia». Questa ex abbazia cistercense, fondata dal re Luigi VI all'inizio del XII secolo, ha subito molti cambiamenti dalla sua fondazione, ma i resti della sua chiesa abbaziale testimoniano la sua grandezza passata.
L'Abbazia di Saint Guillaume fu, nel Medioevo, un potente centro economico e intellettuale, vicino a Parigi. Molte personalità e re di Francia frequentavano regolarmente l'abbazia per interagire con i monaci, come il re Saint Louis.
Dopo aver vissuto un periodo di decadenza alla fine del Medioevo, la tenuta è risorta dalle sue ceneri durante il Rinascimento. Lo testimoniano gli affreschi del pittore italiano Primatice.
Nonostante le ingiurie del tempo, il Domaine de Chaalis è rimasto un ambiente verde contenente molti tesori. Un luogo di ispirazione che oggi è di proprietà dell'Institut de France.
Ho avuto, per molto tempo, negli archivi, immagini sublimi di reliquie bavaresi dalla rivista FMR
Qualche mese fa, in una libreria, ho visto, con mia grande gioia, un libro intitolato «I tesori delle catacombe». Trovo molte fotografie di queste reliquie.
Ma cos'è esattamente?
L'autore del libro racconta che negli anni 1723 uno scheletro completo etichettato come quello di Sant'Alberto arrivò in una piccola chiesa in Baviera. Questo scheletro è stato magnificamente adornato da una suora di nome Pontentia Hämmerl.
Fili d'oro, pietre preziose, perle fini sono stati ricamati o incastonati sulle ossa. Le reliquie erano anche vestite di tessuti preziosi ed esposte in teche.
Ho visto lì un sogno di eternità e mentre anch'io desideravo l'opulenza, abbiamo creato la nostra reliquia e l'abbiamo vestita con cappotti in jacquard di spirito floreale e carta tino, in broccato minerale, in damasco greco-ortodosso, in toni barocchi.
Pezzi ricamati in mezzo con pizzo meccanico oro e rame, perle d'acqua, bordi increspati e guipure oro pallido.
Queste reliquie erano oggetto di devozione e meraviglia. Avevano anche la missione di essere i ponti tra i desideri, i desideri dei priori e il cielo.
Quindi, favola, racconto, credenza o semplicemente allegoria.
Questa stagione parla soprattutto di una semplice intenzione, quella di interrogarsi.
Frank Sorbier

Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE
Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 di RUNWAY MAGAZINE

Vedi tutti i look Franck Sorbier Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022



Inserito da Parigi, Francia.