Moncler Primavera Estate 2019 Milano

Moncler Primavera Estate 2019 Milan Fashion Week di RUNWAY MAGAZINE

Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -1952- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE

Moncler ha compiuto un balzo in una strategia completamente nuova di impegnarsi con le collaborazioni, dando ai singoli designer la licenza di estendere le loro visioni del mondo in esperienze coinvolgenti e ad alto budget: una vetrina ideata da Remo Ruffini per far luce attorno al suo prodotto principale.

È difficile pensare a un altro marchio che avrebbe stabilito di non mostrare alcun prodotto a un evento stampa, ma dal debutto del progetto Genius Group la scorsa stagione, la convenzione delle sfilate di vestiti sugli scaffali è stata abbandonata a favore della comunicazione attraverso un'impressionante sequenza di installazioni. Questa volta era sotto forma di digital opera riprodotta sulle pareti di una cavernosa galleria di magazzini milanesi, autrice individualmente da Craig Green, Fragment di Hiroshi Fujiwara, Noir Kei Ninomiya e Simone Rocha, e ancorata da un'offerta del sottomarchio di Moncler, Moncler 1952.

Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Craig Green- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE

Sì, Vogue ha avuto un'anteprima completa degli abiti che costituiranno i drop di prodotti al dettaglio e online, ma l'evento di questa sera è stato incentrato sulle sensazioni e sull'immaginazione della moda.

Il concetto Noir di Ninomiya coinvolgeva gigantesche figure 3D generate al computer di donne che volteggiavano in sequenze che sembravano simili a testimoniare la nascita a testa in giù dei cyborg. Il digital la collaborazione con Setsuya Kurotaki ha ingegnosamente ingrandito le tecniche di maglia a forma di fiore, lavorata a maglia ea forma di fiore con occhielli argentati e petalo che il designer aveva realizzato con nylon imbottito nero Moncler standard e il suo modello di logo.

Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Fragment- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE

Rocha ha scelto un tema di giardinaggio, ragionando che la sua collezione Spring Moncler dovrebbe logicamente incentrarsi sulla protezione dalla pioggia - è irlandese, quindi sa tutto - piuttosto che sull'isolamento dal freddo. C'erano gioielli floreali incastonati in cappotti di vinile; abiti con orlo a balze; Ricami 3-D di anemoni e margherite; cappelli a tesa larga legati con sciarpe di tulle; e stivali di gomma con intagli in sangallo ricamato.

C'erano anche guanti da giardinaggio inseriti con pizzo e occhiali da sole a forma di fiore per completare questa collezione del bizzarro simbolismo vittoriano per cui Rocha è noto. Ma, oh, il suo film: diretto da Tyler Mitchell (che ha fotografato Beyoncé per il settembre di Vogue issue), è andato in profondità. Girato con un gruppo di ragazze nella torrida estate inglese nel giardino di Wisley, con il fidanzato direttore della fotografia di Rocha, Eoin McLaughlin, ha evocato un'atmosfera ipnoticamente bella e inquietantemente morbosa, sospesa da qualche parte tra The Virgin Suicides, Picnic a Hanging Rock e una setta che sopravvive. sull'orlo dell'estinzione. Vedere i personaggi che si prendono cura dei giardini, che scavano una trincea - poi un colpo improvviso e persistente di una ragazza sdraiata sotto un telo di plastica, ricoperta di fiori: c'era un brivido di orrore lì.

Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Kei Ninomiya- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE

È un lavoro che merita una proiezione più pubblica. Rocha ha dichiarato di aver apprezzato molto Moncler offrendole l'opportunità di fare stretching e sperimentare. “Dovevo assicurarmi che le persone sentissero l'emozione, che le ragazze si sentissero molto spiazzate, come se la loro identità fosse il loro lavoro. Potrebbe essere Down South; Arizona, anche ", ha detto. “Non volevo fare un film sulla moda; Volevo fare un film. È stato davvero emozionante lavorare con un team creativo in una disciplina completamente separata dalla moda ".

L'installazione di Green era un insieme di proiezioni video giganti degli aggeggi meccanici che ama costruire. Questa volta stavano roteando, saltando, rimbalzando, scultoree frese a vento per i vasti poncho da pioggia che saranno oggetti di culto per Moncler nella prossima stagione. "È divertente lavorare con loro perché hanno così tante capacità tecniche", ha detto Green. “Il brief era provare il colore, quindi abbiamo optato per quelli più celebrativi a cui potevamo pensare, guardando le vele da windsurf, gli aquiloni e le bandiere. Inoltre, è estate, brucio terribilmente, quindi ho pensato a cosa potrebbe proteggerti: tende, cappe. . . . " Il linguaggio stilistico di Green e la sua capacità di fondere il concetto con i capi reali è davvero unico.

Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE
Moncler -Simone Rocha- Primavera Estate 2019 Milano di RUNWAY MAGAZINE

Fujiwara, designer di Fragment, è un eroe giapponese dello streetwear. La sua collezione, stampata con numeri di serie e loghi, era una fusione pratica di generici americani: giacche college e jeans, blazer scozzesi, giacche da campo. Il suo titolo era World Tour, ma l'animazione fantasy di Fujiwara aveva anche una risacca apocalittica, con un eroe che alla fine scappava dalla terra per fluttuare nello spazio.

La collezione Moncler 1952 comprendeva un guardaroba urbano più accessibile per uomini e donne. Forse la cosa più sorprendente è che ora è una linea prêt-à-porter completamente commercializzata. La classica giacca Bady generica di Moncler esiste ancora, ovviamente. È la cosa che finanzia tutta questa sperimentazione artistica.