Non è facile essere verdi – Adidas vs Nike – Spoiler marketing

Non è facile essere verdi – Adidas vs Nike – Spoiler marketing. Analisi di marketing di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY RIVISTA.

Negli ultimi anni le sneakers sono diventate una dichiarazione. E sono diventati molto più di una semplice dichiarazione di moda. Le sneakers hanno tanti nomi a partire da “runners”, che “trainer”, addirittura “kicks" e "slorps".

Oggi le sneakers sono diventate il numero uno nella lista dei "più ricercati", sostituendo felicemente i tacchi alti per la frenetica vita lavorativa di uomini e donne. C'è la nota capsule collection “Stiletto” di Converse, uno dei principali produttori di sneakers alla moda. I Vanes in competizione sono usciti con piattaforme e personaggi divertenti di famose serie di cartoni animati degli anni '90 come Simpsons.

Scarpe con tacco alto e stiletto di Converse e Adidas di RUNWAY MAGAZINE
Scarpe con tacco alto e stiletto di Converse e Adidas di RUNWAY MAGAZINE

Per quanto riguarda l'amato Bugs Bunny, il concetto di marketing di due di queste società concorrenti è semplice e diretto: famosi disegni artistici e personaggi dei cartoni animati preferiti, autorizzati a rappresentare questi marchi per tutti gli stili e le occasioni.

Adidas e Nike sono impostate per un concetto di marketing molto più complicato e profondo.

Il 2020 è stato un anno speciale in cui tutti abbiamo immaginato che il mondo fosse stato azzerato. E molte aziende di produzione di moda hanno cercato di “pensare responsabile” e “verde”, fare-green, proponendo vari concetti ecologici. Migliaia di prodotti “responsabili”, tracciabili e riciclabili sono arrivati ​​sul mercato con un Eco-concept. Non erano proprio tracciabili e a volte non erano affatto riciclabili, ma la nuova idea social aveva davvero fatto parlare molto in giro.

Nel frattempo Adidas e Nike hanno creato favolosi Eco-progetti e 2 diverse strategie di marketing.

La strategia di marketing è un piano d'azione progettato per promuovere e vendere un prodotto o un servizio. Di solito è più complicato che scattare foto con Iphone di una ragazza o un ragazzo carino che conosci e metterle sui social media reti, acquistando follower e Mi piace falsi. La maggior parte dei marchi oggi utilizza ancora questo metodo inutile primitivo e silenzioso che chiamano strategia per presentare i propri prodotti al pubblico con la speranza di vendere.

Senza ulteriori indugi, vorrei dare uno spoiler sulle strategie di marketing introdotte da Nike e Adidas.

Spoiler marketing – Strategia di marketing Nike per il nuovo concetto di eco “Move to Zero”

Dichiarazione di Nike Move to Zero: “Move to zero è il viaggio di Nike verso zero emissioni di carbonio e zero rifiuti per aiutare a proteggere il futuro dello sport. Con il passaggio allo zero, Nike si sta impegnando in un approccio per raggiungere zero sprechi e zero emissioni di carbonio al fine di proteggere il futuro dello sport.“

Nike ha creato una spettacolare macchina per il riciclaggio, mostrando come è fatta la loro produzione, mostrando prodotti tracciabili ed eco-compatibili, grandi esposizioni in tutti i flag-store. Nike ha creato un club, invitando tutti ad iscriversi, proponendo sconti speciali e rendendo disponibili le capsule collection in anticipo rispetto al grande pubblico. Questo forma una cerchia di amanti e acquirenti del marchio, con possibilità molto maggiori di coinvolgere i membri in tutte le azioni e attività sociali del marchio. Questo è un ottimo modo per creare il bisogno, l'interesse e il desiderio di acquistare. Concetto “esclusivo” di questo club promosso ampiamente da Nike, in quanto strumento perfetto per un massiccio coinvolgimento del pubblico.

Nike Move to Zero eco-concetto di RUNWAY MAGAZINE
Nike Move to Zero eco-concetto di RUNWAY MAGAZINE

Per il nuovo eco-concept Nike ha invitato i membri del club a partecipare e ricreare le sneakers da materiali riutilizzabili e sneakers usate, promuovendo il brand e il nuovo eco-concept. E le migliori sneakers esposte in tutti i flag-store della Nike. Questo coinvolgimento massiccio, la creatività coinvolgente dei membri del club, le esposizioni organizzate nelle piaghe da bandiera hanno dato un immenso impulso e popolarità all'eco-concetto di Nike. E di conseguenza ha coinvolto sempre più soci interessati a partecipare a questo progetto.

Questa è una strategia di marketing di grande successo per guidare il coinvolgimento nell'eco-concetto e nel marchio. E questo è un perfetto esempio della strategia di marketing per innescare l'urgenza negli inviti all'azione del marchio.

Spoiler marketing – Strategia di marketing Adidas per “End Plastic Waste”

Adidas ha avviato diversi progetti eco-responsabili. “Eco CO2” (sneaker a bassa impronta di carbonio).

Questo è un nuovo passo per eliminare i rifiuti di plastica. Già nel 2015, con una partnership con l'ONG Parley for the Oceans, Adidas ha presentato le prime scarpe realizzate parzialmente con filati e con rifiuti plastici marini riciclati.

La Nuova linea di eco-sneakers realizzate in poliuretano termoplastico (TPU) di tipo particolare e assemblate senza colla, top inquinanti, ma mediante un processo di termosaldatura.

Eco-dichiarazione Adidas: “La plastica oggi. Un problema domani. Mentre continuiamo ad affrontare la nostra impronta di carbonio complessiva, stiamo passando all'utilizzo del 100% di poliestere riciclato nei nostri prodotti entro il 2024. Questo è più grande dello sport, questo è per il nostro futuro. Stiamo cambiando il modo in cui creiamo spostandoci verso sistemi circolari di restituzione e rifacimento. Prodotti che non dovrai buttare via.”

Adidas Not Easy è eco-concetto verde di RUNWAY MAGAZINE
Adidas Not Easy è eco-concetto verde di RUNWAY MAGAZINE

Adidas ha lanciato diverse linee di prodotti ecologici: PrimeGreen, PrimeBlue, Vegan, Better Cotton e il mio preferito "Adidas Stan Smith Forever" con l'edizione speciale "Not Easy Being Green".

Forse per le giovani generazioni questo concetto presentato da Kermit e altri personaggi verdi come Mike Wazowski di Monsters Inc, Trilli di Peter Pen non significa altro che personaggi verdi legati all'ecologia attraverso il colore, che stanno dicendo che questo non è facile da mantieni il pianeta verde.

In realtà è molto di più, e il geniale concetto di marketing “Not Easy Being Green” ha profonde radici nei simboli culturali legati alla storia americana del XX secolo. Bene, l'aggiunta di ulteriori caratteri verdi ha dato una sfocatura al concetto principale.

Adidas Originals End Plastic Waste STAN SMITH, PER SEMPRE

Scaviamo, vero?

Questo è uno degli eco-concetti di maggior successo, e non solo per Adidas. Ovviamente questo concetto ha riunito i precedenti eco-prodotti di Adidas, coinvolgendo il pubblico a partecipare portando bottiglie di plastica alle macchine installate in tutti i flag-store Adidas, riciclandole e ottenendo regali speciali, tra cui un paio di scarpe da ginnastica Stan Smith ovviamente.

Cosa rende questo concetto "Non è facile essere verdi" così tanto successo? Simbolismo dietro il personaggio di Kermit di Sesame Street, simbolismo dietro la sua frase “Non è facile essere verdi” disse per la prima volta nel 1970, in relazione agli eventi culturali, anche il simbolismo nascosto dietro la connotazione del colore verde.

Kermit la rana - Non è facile essere verdi - I Muppet cantano insieme RUNWAY MAGAZINE
Kermit la rana – Non è facile essere verdi – I Muppet cantano insieme RUNWAY MAGAZINE

La famosa frase di Kermit “Non è facile essere verdi” era in realtà una canzone, scritta nel 1970 da Joe Raposo per la prima stagione dello spettacolo di Sesame Street. E non riguardava affatto l'ecologia.

Questa canzone è diventata molto popolare negli anni '1980. Kermit è diventato uno dei personaggi più amati, aveva poster, libri, CD dei migliori di Kermit. Stai pensando ai bambini? Niente affatto, era amato dagli adulti. Così come la signora Piggy non è mai stata un personaggio per bambini, era una hot chic, una rock star, nientemeno.

Torniamo a Kermit. Nella canzone "Not Easy Being Green" ha espresso i sentimenti di essere sottovalutato e trascurato perché era verde. Ed ecco ovviamente un connotazione del colore.

Tornando indietro nella memoria, vediamo i testi:

“Non è facile essere verdi. Sembra che ti confondi con tante altre cose ordinarie.
Non è così facile essere verdi;
Dover spendere ogni giorno il colore delle foglie.
Quando penso che potrebbe essere più bello essere rosso, giallo o dorato...
o qualcosa di molto più colorato come quello.
Essere verdi non è facile.
Sembra che ti confondi con tante altre cose ordinarie.
E le persone tendono a ignorarti perché non risalti come scintillii appariscenti nell'acqua o stelle nel cielo.
Ma il verde è il colore della primavera.
E il verde può essere fresco e amichevole.
E il verde può essere grande come l'oceano, importante come una montagna o alto come un albero.
Quando il verde è tutto quello che c'è da essere
Potrebbe farti chiedere perché, ma perché chiedersi?
Perché Wonder, sono verde e andrà bene, è bellissimo!
E penso che sia quello che voglio essere".

Sembra semplice... lo fa davvero? Quindi in questa canzone il verde si associa a “cose ordinarie”, che “le persone tendono a tralasciare…”. Aggiungiamo qui, cose secondarie. Questi non sono solo i sentimenti legati alla ricerca di sé o alla ricerca di identità.

Green Book - Guida di viaggio per afroamericani di Victor Hugo Green 1936-1966
Green Book – Guida di viaggio per afroamericani di Victor Hugo Green 1936-1966

Colore verde associato dall'inizio del XX secolo con Libro verde, una guida speciale per gli afroamericani. Per qualcuno che ricorda la storia negli Stati Uniti che era il tempo in cui gli afroamericani non potevano visitare gli stessi hotel, ristoranti delle altre persone. Così "Il libro verde degli automobilisti negri” era una guida annuale per roadtrippers afroamericani. È stato creato e pubblicato dal postino afroamericano di New York City Victor Hugo Green dal 1936 al 1966. È così che questo libro ha preso il nome "Verde", ed è così che il colore verde ha iniziato ad avere un profondo simbolismo nella cultura americana.

Ma non è solo questo. Negli anni '1960 un altro carattere verde aggiunse significato al verde. Famoso e molto green Grinch, che ha rubato il Natale, dall'amato Dr. Seuss (lo pseudonimo del fumettista politico Ted Geisel).

Dr. Seuss Come il Grinch ha rubato il Natale! famoso libro di RUNWAY MAGAZINE
Dr. Seuss Come il Grinch ha rubato il Natale! famoso libro di RUNWAY MAGAZINE

Presumibilmente, "Come il Grinch Stole Christmas!” è stato ispirato dalla nozione di irriconoscibile umanità. Whoville (il villaggio perfetto nella storia) rappresenta un senso di comunità e inclusione, da cui Grinch è escluso. Con il loro amore per il Natale e il calore reciproco, i Whoville rappresentano il potenziale di speranza per le persone di vivere felicemente insieme con uno spirito comune condiviso. Ma questa comunità ha escluso tutto ciò che è diverso, e in particolare le persone di colore verde (connotazione di Green Book). Grinch è stato escluso perché era verde, scortese e maleducato.

Quindi, non è facile essere verdi, hah?

Kermit è arrivato con questa canzone negli anni '1970, continuando il significato storicamente formato del colore.

Adidas non è facile essere verdi - Kermit e Grinch di RUNWAY MAGAZINE
Adidas non è facile essere verdi – Kermit e Grinch di RUNWAY MAGAZINE

Quindi portare questo simbolismo "Non facile essere verdi" nella nuova campagna pubblicitaria Adidas ha avuto un enorme successo tra 4 generazioni. Aggiungiamo qui il link Adidas realizzato con questo simbolismo ed ecologia. Non si tratta solo del pianeta verde, si tratta di ecologia umana, l'interazione collettiva dell'uomo con il suo ambiente/comunità, che dovrebbe essere assolutamente armoniosa anche per tutti coloro che si sentono verdi!

Leggi anche “Colore VERDE – Storia e Valori”, un articolo di Guillaumette Duplaix, Direttore Esecutivo di RUNWAY MAGAZINE, descrive i valori e il simbolismo del colore VERDE, diverse possibilità di creare il colore VERDE nella stampa e nei tessuti, e diversi fatti che creano superstizione del colore VERDE e le differenze polari nell'interpretazione.


Inserito da New York, USA.