Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 all'età di 98 anni. Ha sepolto nel cimitero di Montmartre a Parigi nella più stretta privacy, a Parigi questo sabato 2 gennaio 2021. L'ultimo desiderio del grande stilista del XX - XXI secolo è stato per essere seppellito come accademico di belle arti con la spada che aveva sfoderato, l'elsa intrecciando un ditale, un ago e un rocchetto di filo, mentre quella della lama assomiglia a quelle di un paio di forbici.

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE
Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE

Pierre Cardin, che spesso si batteva per il titolo di “stilista futurista” con André Courrèges e Paco Rabanne, fu il primo a mettere da parte l'Alta Moda nel 1959 per dedicarsi al prêt-à-porter. È stato anche l'istigatore delle sfilate di moda maschile. Nel 1958, quando la professione di modella era riservata esclusivamente alle donne, questo genio dell'Haute Couture aveva assunto un esercito di studenti nel fisico di Apollo per garantire il suo spettacolo nei salotti dell'hotel Crillon.

Conosciuto e riconosciuto, Pierre Cardin è stato finalmente il primo couturier a entrare nell'Académie des beaux-arts, rendendo così possibile, come sottolineano i suoi parenti, di "riconoscere la moda come un'arte a sé stante".

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE
Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE

Nato nel 1922 da una famiglia di ricchi contadini veneti, Pietro Cardini, il cui vero nome era, avrebbe potuto seguire una strada completamente diversa. "Quando avevo otto anni, volevo diventare un ballerino o un attore", ha spiegato. Rovinati dalla Grande Guerra, i suoi genitori si trasferirono in Francia dove molto velocemente i “maccheroni sporchi” gli vennero inviati per accrescere la sua voglia di successo. Pierre Cardin amava le belle riviste di moda, disegnava i suoi primi schizzi a 17 anni e decideva di credere nel suo destino. Durante l'occupazione, ha imparato a tagliare da un sarto, poi ha lavorato come contabile alla Croce Rossa. Un'esperienza che ha ammesso lo ha aiutato a gestire i suoi conti, difendere i suoi interessi e mantenere la sua casa.

Pierre Cardin in abito di Neil Arstrong alla NASA di Runway Rivista
Pierre Cardin in abito di Neil Arstrong alla NASA di Runway Rivista

Pierre Cardin è sempre rimasto il proprietario del suo marchio, che oggi rappresenta una sfida nella moda. Alla fine della guerra il giovane designer si trasferì a Parigi, passò da Paquin e Schiaparelli prima di entrare in Christian Dior nel 1946. È qui che per lui tutto iniziò davvero: “Ero il suo primo dipendente, arrivato alle 8 del mattino del giorno di inizio alle 9 del mattino ”, - ha detto Pierre Cardin nelle sue interviste. Promosso al primo sarto, affianca il maestro alla collezione New Look e avvia una rivoluzione con il Bar tailor.

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE
Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE

Rivoluzioni, questo tuttofare ne sperimenterà molte altre in seguito, sia che abbia creato il prêt-à-porter nel 1959, sia che sia stato il primo a introdurre materiali sintetici nei vestiti o che si sia affermato come il più grande licenziatario nel mondo (fino a 800; oggi 300 licenze diverse). Pierre Cardin ha iniziato realizzando costumi per il teatro e il cinema, come un cenno ai suoi sogni d'infanzia. Nel 1953 presenta la sua prima collezione. Le grandi sacerdotesse della moda dell'epoca Hélène Lazareff e Diana Vreeland lo avvistarono.

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE
Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE

Basandosi su uno dei suoi più grandi successi, l'abito a bolle, Pierre Cardin ha aperto la sua prima boutique in rue du Faubourg-Saint-Honoré l'anno successivo. La sua fama ha varcato i confini. Ha vestito i Beatles, è apparso al braccio di Jeanne Moreau. Imprenditore ispirato si è rivolto all'Asia, ha aperto fabbriche in Giappone, ha sfilato sulla Grande Muraglia in Cina, dove è stato accolto come un capo di stato. Ha massaggiato le spalle di molti presidenti: Fidel Castro, Richard Nixon, Mikhail Gorbatchev, la signora Gandhi e Madre Teresa.

2017, firma del libro. Dedizione di Pierre Cardin a RUNWAY MAGAZINE
2017, firma del libro. Dedizione di Pierre Cardin a RUNWAY MAGAZINE

Pierre Cardin ha iniziato a creare il suo mondo e il suo impero. ha continuato. Negozi, ristoranti, teatri, castelli, edifici… Il suo patrimonio immobiliare ha continuato ad espandersi allo stesso tempo. "Questo è uno dei miei ultimi progetti: la costruzione di un palazzo avveniristico a Venezia!" Nel 1992 l'elettrone libero è stato soprannominato membro dell'Accademia di Belle Arti. Non poteva crederci. “È il mio più grande orgoglio. Non avrei mai osato chiederlo, io, il designer che non ha mai studiato ”- ha spiegato nelle sue interviste.

70 anni di creazione e grandi invenzioni: l'era della moda, il XX secolo è l'era di Pierre Cardin.

Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE
Pierre Cardin è morto il 29 dicembre 2020 - omaggio di RUNWAY MAGAZINE